Al momento stai visualizzando Come donare i vestiti alla Caritas?

Come donare i vestiti alla Caritas?

  • Autore dell'articolo:
  • Categoria dell'articolo:Assistenza
  • Commenti dell'articolo:0 Commenti

La Caritas è un’associazione globale di individui e istituzioni che lavorano per aiutare i poveri. Lavorano per lo sviluppo materiale, spirituale e umano dei poveri, specialmente dei bisognosi lavorando anche per costruire un mondo più giusto e pacifico.

Per realizzare la nostra missione, adottiamo un duplice approccio: Caritas International lavora per lo sviluppo materiale, spirituale e umano dei poveri, specialmente dei bisognosi. Lavoriamo anche per costruire un mondo più giusto e pacifico. Per realizzare la nostra missione, adottiamo un duplice approccio. Il primo è operativo, con le nostre opere di carità e di sviluppo. La seconda è costruttiva, attraverso i nostri sforzi per coinvolgere il pubblico e aumentare la consapevolezza pubblica. Il seguente articolo spiega come puoi donare vestiti alla Caritas.

Hai dei vestiti che non indossi più e di cui vorresti disfarti? In Italia, esistono delle associazioni specializzate  per la raccolta degli indumenti destinati alla beneficenza. A questo proposito, vediamo come donare i vestiti  alla Caritas

La Caritas è un’associazione religiosa presente ormai dal 1970 in tutta Italia. Rappresenta un punto di  riferimento per donare i vestiti in beneficenza, che siano nuovi o usati, consentendo di liberarsi degli indumenti che non utilizziamo più, supportando un’associazione umanitaria.  

Cassonetti della Caritas: dove sono e come donare gli indumenti inutilizzati 

Ci sono due modi per donare i vestiti alla Caritas: il primo è quello di portare il vestiario nei centri di raccolta e distribuzione della parrocchia della propria città, mentre il secondo prevede il deposito degli indumenti nei  cassonetti gialli

Solitamente questi cassonetti si trovano negli ecocentri delle città, vicino ai centri commerciali, o in  prossimità di quelli destinati alla raccolta differenziata. Il materiale raccolto nei cassonetti gialli non viene  donato direttamente alle persone bisognose, ma raccolto da alcune cooperative sociali, in cui lavorano  persone svantaggiate.  

Gli indumenti logori, in pessimo stato, vengono acquistati da aziende che li riducono in filati, producendo  nuovi materiali tessili. Mentre i vestiti in buono stato vengono spediti in associazioni specializzate che si  occupano dell’igienizzazione, della selezione e dell’invio del materiale ai mercati del terzo mondo

Sono invece gli abiti donati direttamente ai punti di raccolta gestiti dalle parrocchie locali ad essere smistati,  ordinati, igienizzati e destinati alle persone più bisognose

Aziende che comprano abiti usati: quali sono?

Nel 2022 molte aziende comprano abiti usati sfruttando il noto processo di reverce logistics. Un’attività finalizzata al riciclo di indumenti usati, da sfruttare per evitare la compravendita di ulteriori materiali.

  • Recycling Italia S.R.L
  • Ecology System S.R.L
  • Green Line SRL
  • Green Point SRL
  • Carraro F.LLI SRL
  • Agotech SRL
  • Puli Ecol Recuperi SRL
  • Leoni F.LLI SRL
  • 101 Service SRL
  • Messina Servizi SRL
  • ASTIR
  • Portamb SRL
  • ECO Recupero SRL
  • Eurotess SRL
  • Recycla SPA
  • Padana Recuperi SRL
  • Pellicano Verde SPA.

Queste sono tutte aziende che ritirano abiti usati, ma non è detto che tutte siano disposte ad acquistarli. Potresti contattarle per comprendere la loro tipologia di acquisizione, previa forma di scambio, denaro o semplicemente come donazione.

Una azienda rivoluzionaria che compra abbigliamento usato è Armadio Verde. Un’impresa nata 7 anni fa, nel 2015, con l’idea di rendere ecosostenibile il settore del vestiario di seconda mano. L’idea è quella di rendere sostenibile a livello ambientale, sfruttando la vendita immediata degli abiti, con un guadagno in “stelline“.

Le stelline saranno convertite in monete virtuali, da spendere all’interno di Greenchic. Potrai spedire i tuoi vestiti usati gratuitamente, scegliendo in fase di invio all’azienda, tra una scatola piccola e una grande. Una volta che l’impresa avrà ricevuto il pacco, valuterà la qualità della merce e ti convertirà (pur senza averli ancora venduti), le stelline, grazie alla quale potrai cambiare e comprare nuovi abiti.

Nel marketplace hai una vasta scelta di qualsiasi abbigliamento tu voglia, adatto a uomo, donna e bambino.

Associazioni che ritirano abiti usati 

Un italiano su 3 acquista più del necessario. E questo riguarda soprattutto i vestiti che tendiamo ad  accumulare nei nostri armadi, indossandoli di rado o quasi mai. Ultimamente, sulla scia del minimalismo, sta  spopolando una nuova “moda”: il decluttering.  

Si tratta di una tecnica che permette di liberarsi del superfluo che apporta innumerevoli benefici a livello  psicologico. 

Liberandosi, ad esempio, di uno scatolone di vestiti inutilizzati, ci si sentirà immediatamente più leggeri,  aperti e soddisfatti di aver compiuto una buona azione. In Italia esistono tantissime associazioni, oltre alla  Caritas, che si occupano di riciclo sostenibile del vestiario, tra cui: 

  • Humana: People To People 
  • Croce Rossa Italiana 
  • Comunità di Sant’Egidio 

Si tratta di enti che dispongono di punti di raccolta fissi e che hanno come obiettivo il riciclo sostenibile degli indumenti inutilizzati. 

Molte di queste associazioni, laiche o religiose, operano sia a livello locale che internazionale, supportando  ad esempio i profughi di guerra o le persone bisognose vittime di circostanze spiacevoli. Il processo è quello  del ritiro, della selezione e della trasformazione in un nuovo prodotto per uno scopo benefico.  

Ad esempio, Humana: People To People è un’organizzazione umanitaria danese che sostiene progetti di  sviluppo nel Sud dearl mondo. In Italia, esistono dei contenitori appositi in cui poter donare vestiti, scarpe,  zaini, biancheria, tessuti per la casa. Si riconoscono attraverso il logo ufficiale. 

Una parte di queste donazioni verrà rivenduto in uno dei punti vendita di seconda mano presenti a Roma,  Bologna, Milano e Torino, mentre la restante parte verrà inviata in Africa o riutilizzata come nuova fibra tessile.

Lascia un commento